Scuola di vite

la scuola

E’ mia consuetudine argomentare questioni futili per dar sfogo alla mia esigenza ( spero per te piacevole ) di condividere la mia passione.

 

A volte, capita di imbattermi in temi piuttosto seri, perciò il seguente post è dedicato ad un problema annoso che affligge la società contemporanea ( queste 8 ultime parole, escono dalle mie dita grazie ad un automatismo che attribuisco ad un retaggio di anni e anni passati ad ascoltare professori che risolvevano qualsiasi problema imputando la colpa alla  “società “. Un concetto uguale al banale ” mistero della fede ” da parte degli ecclesiastici ).

 
Lo spunto per affrontare l’argomento di questa WineList è il seguente articolo :
 
 

 
Immagino già il dibattito..
Alcuni sosterranno che la proposta invoglierà i nostri ragazzi ad ubriacarsi, motivo per il quale non vorranno introdurre un argomento simile nelle scuole primarie e secondarie.
 
Ammetto che l’utilità di insegnare la cultura del vino in tutte le scuole è un concetto difficile da spiegare. L’intento è quello di far capire che questo progetto sarebbe una forma valida di prevenzione all’alcolismo.
Idea difficile da condividere, sopratutto per associazioni come Familiari e Vittime della Strada che, loro malgrado, hanno qualcuno da piangere per colpa di idioti ubriaconi.
 
Una riflessione però va fatta. 
 
Nessuno si sognerebbe di puntare il dito contro associazioni, consorzi e produttori di vino per indicare la causa del diffuso problema dell’alcolismo al netto di qualche estremista che vorrebbe un mondo proibizionista.
 
I ragazzi che si sballano sono poco propensi ad ubriacarsi con il vino. 
L’elevato tasso alcolemico lo raggiungono con i superalcolici. 
La maggior parte delle volte abusano di Cocktail a base di droghe e alcol.
Il vino è certamente una bevanda alcolica ma ha poco a che fare con l’alcolismo dei giovanissimi.
 
Cosa vuol dire cultura del vino ? 
Semplice, è ciò che hai sempre visto in una tavola fin da quando eri un bambino. 
Il pane, la pasta, l’olio, il vino, il formaggio e tante altre pietanze, vengono circondate da persone sedute attorno ad un tavolo per condividere il pasto quotidiano, una festa, una ricorrenza tradizionale.
La convivialità è spesso presente nelle nostre vite per allietare le nostre giornate.
 
L’alimentazione è la nostra vita. 
La vite è un simbolo di vita. 
Il periodo Classico ha incoronato il vino come la bevanda degli Dei.
Il vino è un simbolo biblico dall’ebraismo alla cristianità. 
D’altronde, tutti noi abbiamo presente il rito della Santa Messa chiamato Offertorio del pane e del vino.
 
Dai cristiani inizia un percorso affascinante nato per tramandare la produzione del fermentato e salvaguardare così lo svolgimento della Messa. 
Se oggi possiamo godere di eccellenti vini e di una moltitudine di vitigni conservati gelosamente, lo dobbiamo ai frati, ai monaci e alle suore di conventi, abbazie e monasteri.
Dom Pierre Perignon ti dice qualcosa ?
Dovresti sapere che due Cru di fama mondiale come il Romanée e il Clos Vougeot furono per molto tempo di origine e produzione cistercense.
 
Continuando il percorso culturale del vino, non si può fare a meno di parlare della vigna. 
La coltivazione della vite ti riporta all’essenza della vita, al contatto con la natura e al saggio mondo contadino. 
 
Paragonare la vite alla vita umana è un grande insegnamento. 
Il vino migliore nasce da una sofferenza della vite, la quale se è piantata in terreni impervi e aridi produce il miglior frutto.
 
I preziosi grappoli raccolti, spremuti e fermentati sono operazioni affrontate da sapienti mani e non da sprovveduti alchimisti. 
 
I Metodi di vinificazione in uso sono tramandati da millenni, 
non a caso qualcuno continua a fare il vino in anfore di terracotta scavate nel terreno.
 
Dentro ad un calice di vino c’è un mondo da scoprire che induce alla riflessione ed a contemplare lo straordinario percorso che questa bevanda ha compiuto prima di deliziare il naso, la bocca, la gola, il corpo, la mente.
Un percorso sensoriale che emoziona e accarezza l’anima.
 
Penso che poche informazioni sul vino contribuiscano ad una prevenzione all’alcolismo. 
Chi conosce il vino lo rispetta, perchè è un prodotto ragionato. 
Nel mezzo bicchiere pieno c’è la ragione, nel mezzo vuoto c’è spazio anche all’idiozia..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.